domenica 14 febbraio 2010

Ecco che mi ritrovo allo stesso tavolo con tuo fratello, lui abbassa gli occhi sul libro, si concentra sulla versione, io lo osservo, ne studio i lineamenti, certo il naso è il tuo, e anche la fronte e gli occhi. Sorrido dentro di me a ogni suo gesto che è anche tuo. Credevo che mi sarei sentita a disagio, invece no. Anzi, è bello ritrovare qualcosa di te. Strano ma bello.

9 commenti:

  1. I really like this composition. The reds are deep and wonderful and the chiarroscuro affect is terrific.

    RispondiElimina
  2. Ciao Elettra,

    Non so se conoscete il libro da Laure Adler:
    "Le donne che leggono sono pericolose?

    La tua foto bella ha il suo posto all'interno.

    RispondiElimina
  3. Deriolend: Ah ah!! No, per carità! Semplicemente sto dando ripetizioni al fratello di un mio ex...

    RispondiElimina
  4. alterdom: davvero? Io l'ho presa da flickr... Del libro ne avevo solo sentito parlare, magari adesso me lo compro..

    RispondiElimina
  5. buon sangue non mente

    RispondiElimina
  6. sarebbe grave,,in effetti fa strano ritrovarsi nella stessa casa..l'importante è che non ci sia un clima "ostile",che tutti e tre finita la lezione possiate chiaccherare senza veleni o rinfacciare qualcosa

    RispondiElimina
  7. Deriolend: beh... momento adesso... tutti e tre non facciamo un bel nulla, perchè io e il Fratello (l'altro) non ci parliamo nè vediamo più, e non perchè ci sia particolare ostilità o rancore ma perchè cmq.... gli ex sono ex... e poi a me non è mai riuscito di rimanerci amica... Poi se dovessi incontrarlo ci scambierei pure le quattro parole di cortesia, ma cmq se posso evitare è meglio!

    RispondiElimina